martedì 20 novembre 2007

cioccolato II

Il cibo degli dei coinvolge i cinque sensi.
vista: dovrà apparire brillante, liscio e delineato.
tatto: dovrà essere vellutato e dare una sensazione di rotondità e spezzarsi in modo netto senza lasciare briciole.
udito: spezzandolo dovrà fare un suono limpido secco (snap)
gusto:per degustare al meglio una tavoletta speziata bisogna tenerla sulla lingua per alcuni secondi e lasciarla sciogliere lentamente, a quel punto si riuscirà a percepire la spezia.
olfatto: alcune tavolette speziate hanno uno spiccato profumo.
Come prepararsi per una degustazione:
un piatto grande, tondo e bianco
bicchieri per gli eventuali rum, grappe, barolo chinato, moscato spumantizzato,o semplicemente acqua gasata.
A questo punto c'è tutto quello che serve si possono disporre le tavolette o le praline in senso orario dal più delicato al più forte
ogni assaggio di cioccolato un sorso di moscato spumantizzato o barolo chinato per pulirsi la bocca.
la nostra degustazione inizia neanche a dirlo con un bel sorso di barolo chinato per preparare la bocca
fondente 60% con olio essenziale di rosa della De Bondt
pralina finissima di cioccolato fondente extra 56% con barolo chinato Cocchi

pralina artigianale di cioccolato fondente extra 70% con grappa Doreè Cocchi

zenzero tailandese candito in Italia, con cacao venezuelano di Guido Gobino

fondente 75% con estratto naturale di assenzio della Venchi

e per finire se volete bere un caffè vi consiglio un cucchiaino in cioccolato fondente 60% della Slitti progettato con uno spessore tale da consentire la miscelazione dello zucchero sciogliendosi gradualmente nel caffè.
buona degustazione !!!

5 commenti:

bian ha detto...

non è che potreste invitarmi alla prossima degustazione?...mmm...che meraviglia! ;D

fabrizio ha detto...

certo!
tra un mesetto ne organizzo un'altra, questa volta solo tavolette speziate, ne ho gà viste un paio interessanti; un fondente all'olio essenziale di mandarino e arancia, un fondente e latte al fior di sale.

adina ha detto...

un paio di sabati fa a golosaria ho preso un cioccolato fondente al sale dolce di cervia di L'Artigiano dei F.lli Gardini. non lo conoscevo, ma è una bontà vera! golosaria c'è pure a torino qs we, ma non mi pare che l'Artigiano ci sia.. in ogni caso si può cercare in giro. :-)

fabrizio ha detto...

golosaria... pensavo di andarci lunedì prossimo.
ti è piaciuta?

adina ha detto...

sì, mi è piaciuta parecchio! eravamo un gruppetto di blogger, è divertente, assaggi molte cose buone, passi dal ragusano dop al cioccolato! :-) comunque, interessante, certo. molti produttori bravi ci sono. questo del cioccolato aveva certe bontà.. ne ho preso un altro anche di cioccolato, ma non posso svelarti qui tutto, perché è una sorpresa per le due pazze che mi verranno a trovare a breve. :-) hihih (anche a bra siamo stati, a cheese, fico!!)